Shopping Idea La tua guida agli acquisti


Arredo etnico


L'arredamento etnico - I materiali più usati per questo tipo di arredo

L'arredamento etnico è diventato una vera e propria moda per arredare la nostra casa, si possono trovare molti articoli pregiati provenienti da paesi lontani, ma non solo, i negozi d'arredamento etnico stanno nascendo ovunque con una varietà di mobili e accessori da adattare nelle nostre case e rendere il nostro spazio accogliente e particolare. Per i mobili e accessori Etnici i materiali che si usano più frequentemente sono:
  • Vimini
Questo materiale è ottenuto intrecciando rami di salice o di altre piante. L'elasticità e la resistenza del vimine di salice lo rendono, da sempre, ideale per la frabbricazione di cesti e canestri. A differenza di altri materiali, oggi più ricercati ed esotici, il vimini è sempre stato adoperato nell'artigianato del legno e dei suoi derivati.Oggi il vimini continua ad essere usato, oltre che nella cesteria, nella realizzazione di tavoli, divani e sedie, conferendo a questi arredi un gusto elegante e coloniale,vagamente retrò.
  • Bambù

E' una pianta sempreverde di notevoli dimensioni, la cui canna robusta e nodosa è usata in tutto l'oriente per i fini più disparati, soprattutto laddove vengono richieste pertiche lunghe e resistenti (usate come travi per la cotruzione di ponteggi, palafitte, abitazioni). A differenza del rattan il bambù è cavo all'interno e presenta caratteristiche superiori di rigidità.Per questo materiale, per le sue caratteristiche, è usato per divani, mobili, e sedie e come il vimini conferisce un fascino particolarmente esotico all'arredamento.

  • Rattan
Differentemente dal bambù, con il termine rattan non si identifica una particolare pianta, piuttosto questo termine - che deriva dal malese rotan, cioè bastone - è applicato per designare un'ampia famiglia di piante provenienti dall'Asia usate negli scopi più vari. Le specie più nobili sono il manau, il palesan, tutte appartenenti al grande gruppo di palmizi denominato anche Calamus rotan. Correttamente lavorata, scorticata e lasciata asciugare al sole ai margini delle foreste tropicali, la palma del Calamus rotan si trasforma in rattan; così infatti è definita la sua fibra, la parte migliore dotata di resistenza e durata straordinarie. Il rattan trova impiego per la realizzazione di mobili, divani, sedie ed altro.
  • Midollino
Dalla trafilatura delle canne più grosse di giunco (rattan) si ottengono dei fili lunghi e resistenti con una sezione di pochi millimetri, simili a spaghetti. E' il cuore molle della pianta.Dall'intreccio a mano di questi fili si ottiene una maglia molto raffinata e di qualità molto alta. Divani, lampade, poltrone di midollino sono oggi molto apprezzati e ricercati.
  • Teak
Il teak è uno dei legni più pregiati per la costruzione di mobili e per la falegnameria fine. Colore variabile dal chiaro allo scuro, tessitura larga e untuosa; molto visibile il disegno degli anelli di crescita, specialmente su superfici tagliate tangenzialmente, ha spesso l'odore del cuoio vecchio; pochi nodi; resiste agli acidi, agli alcali e al fuoco. Il teak è famoso anche per la sua durezza e la resistanza agli agenti esterni. Gli arredi di legno teak possono essere eleganti e sobri nella loro naturale eleganza oppure richiamare atmosfere orientali se le loro forme sono meno tradizionali.
  • Mogano
Diverso per caratteristiche e storia il legno di mogano ha anch'esso una storia di primo piano nell'arredamento di qualità. Usato sia nella costruzione che nella decorazione di ambienti presenta una tessitura piuttosto larga, fibre incrociate producono un motivo a strisce su legno tranciato in quarti.I mobili di legno di mogano provenienti dall'Oriente si caratterizzano per stile e finiture uniche ed artigianali.
I negozi online di arredamento etnico
< Go to top of page